Giugno inoltrato, inizia l’estate, le giornate sono calde (anche se in queste settimane ogni sera arriva il temporale e sembra essere già autunno!). Con l’estate arrivano i frutti estivi: pesche, albicocche, prugne, meloni, angurie, lamponi, mirtilli…

La distensione delle misure contenitive della pandemia ci permette di uscire per passeggiate serali, escursioni in montagna, biciclettate al lago. Quale miglior occasione per una merenda fresca?

La proposta di oggi è una granita di pesche (che possono ovviamente essere sostituite da qualsiasi altro frutto fresco). Chiamandola “granita” mi sono guadagnata le occhiatacce del mio coinquilino Giulio, ispicano, che è cresciuto con tutt’altra idea di granita. Ma per quella bisogna andare in vacanza in Sicilia e onorare la cucina locale.

Questa granita si fa in modo veloce, è un modo alternativo per consumare della frutta, è fatta senza aggiunta di zuccheri, ma soprattutto from scratch. Che significa? Vuol dire che la preparazione avviene partendo da ingredienti originari, non elaborati, non sintetici: essenzialmente da frutta e acqua, con l’aggiunta di aromi a piacere per aumentarne il gusto.

E’ importante che la frutta provenga da coltivazioni locali e sia di stagione per avere il massimo della dolcezza e del gusto. Scegliere un’agricoltura che non utilizza trattamenti chimici permette inoltre di non avere rischi nel consumare la frutta con la buccia, ricca di fibre. Un frutto medio è sufficiente per una persona: consumare la frutta in quantità eccessive (non oltre i 2-3 frutti al giorno), può influenzare la regolarità intestinale oltre che fornire un eccessivo quantitativo di zuccheri, che seppur naturali, sono comunque zuccheri!!

  • tagliare una pesca a cubetti
  • congelarla in freezer per almeno un’ora
  • tirare fuori la pesca e frullarla nel frullatore, aggiungendo un goccio di acqua, quanto basta per renderla cremosa
  • eventualmente aggiungere qualche aroma come: cannella, cacao in polvere o cioccolato fondente a scaglie, frutta secca in granella, succo di limone, zenzero fresco, foglie di menta…

Facile, no? Fresca, no? Genuina, no?